Cucina

Lo “Scarpone” di Sulmona: la ricetta

Avete provato e scoperto e assaggiato tante ricette tradizionali, ma forse non le conoscete ancora tutte… e soprattutto non conoscete lo Scarpone, questo delizioso biscotto al cioccolato, con canditi e uvetta, che coniuga il gusto umido pastoso del mosto cotto con la secchezza aromatica del cacao e dalla frutta secca, un dolcetto non proprio leggero… ma beh, decisamente invitante.

Originario della valle Peligna e in particolare della città di Sulmona, lo Scarpone era in passato il dolce delle grandi occasioni. Era tradizione prepararlo per Natale, ma non poteva mancare ai matrimoni, ai battesimi e a tutte le altre feste più importanti. Grandi o piccoli che fossero, venivano preparati seguendo una ricetta che si tramanda ancora di madre in figlia e di nonna in nipote.



Procuratevi:

300g di farina doppio 0

300g di mosto cotto

60g di zucchero semolato

60g di cioccolato fondente

60g di olio extravergine d’oliva

Circa 100g tra noci e mandorle

30g di cedro candito

30g di uvetta

30g di cacao amaro

14g di lievito

E un pizzico di cannella.

Cominciate col mettere a mollo l’uvetta per farla rinvenire. A parte triteremo le mandorle e le noci piuttosto grossolanamente e procederemo con lo spezzettare anche uvetta a cedro candito: non è indispensabile, ma diffonderà meglio il sapore, rendendolo più equilibrato.

Come prima cosa si uniscono il cacao e la farina. Amalgamateli per bene, e se necessario setacciateli per ridurre tutti i grumi. Farina e cacao si amalgamano tra loro, e si passano al setaccio. Potete unire allora lo zucchero, il lievito, la frutta secca, i canditi… e una spolverata di cannella. Colate poi l’olio, e infine… la cioccolata sciolta.

L’ingrediente segreto lo aggiungeremo soltanto adesso: il mosto cotto, che ci aiuterà a stringere l’impasto senza bisogno di unire ulteriori liquidi.

Mescolate il tutto con le mani, oppure aiutandovi con un pratico cucchiaio di legno. Quando l’impasto per gli scarponi è pronto, procuratevi una ciotolina d’acqua. Ci servirà per inumidirci le dita: in questo modo, sarà più facile appallottolare e poi schiacciare l’impasto, dandogli la forma di biscottone rotondo e piuttosto schiacciato. Scegliete voi la dimensione che preferite: i nostri saranno piuttosto piccini, così sarà più comodo mangiarli.

Cuocete in forno a 150-180° gradi per circa una decina di minuti.

È importante non farli cuocere completamente: li toglieremo poco prima di arrivare a cottura ultimata, così conserveranno un cuore umido e morbido all’assaggio.

Finalmente pronto, lasciatelo stare appena un pochino e poi potrete gustare il vostro scarpone con un bicchierino di buon ratafià.

E se volete tenerne qualcuno da parte, metteteli in una scatola di latta e lasciateli stare. Si terranno in quel mondo anche per diversi giorni. Ma il discorso in fondo resta sempre lo stesso. Potrà anche conservarsi, ma è difficile che sopravviva così a lungo!

Ventisette anni e un nome insolito. Ho cominciato a scrivere storie poco più tardi di quando ho cominciato ad ascoltarle, prima da mia madre, poi da mia nonna, poi da chiunque ne avesse una da raccontare.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!